Ordine degli Ingegneri della Spezia
E-mail PEC: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Codice fiscale: 80017220114 | Partita IVA: 01311730111
Servizio di Fatturazione Elettronica: Codice univoco ufficio
UFN13T
 
Ingegneri in regola con i Crediti Formativi Professionali alla data del 17.03.2017 PDF Stampa
Di seguito sono pubblicati gli elenchi degli iscritti a questo Ordine, divisi per Sezione di appartenenza, che risultano in regola con l'aggiornamento professionale continuo previsto dal Regolamento per la competenza professionale pubblicato nel Bollettino Ufficiale del Ministero della Giustizia del 15.07.2013.

Elenco aggiornato al 17.03.2017 - SEZIONE A

Elenco aggiornato al 15.02.2017 - SEZIONE B

 
Workshop IL RISCHIO SISMICO: Tecnologie e dispositivi antisismici per il miglioramento sismico PDF Stampa

Confartigianato Imprese La Spezia

14 marzo, ore 16.00-18.00, Via Fontevivo, 19 - 19125 La Spezia

In programma il prossimo 14 marzo, un seminario gratuito promosso da Sismocell-Reglass a La Spezia presso la sede di Confartigianato.
L’incontro, promosso da Confartigianato La Spezia è organizzato con il contributo di Sismocell - Reglass H.T. S.r.l. di Minerbio (Bo).
Intervengono Enrico Taponecco e Katia Orsetti di Confartigianato La Spezia; l’Ing. Andrea Vittorio Pollini, Sismocell-Reglass H.T., Minerbio (Bo) e l’Ing. Devis Sonda di Miyamoto International, Milano. E’ la prima occasione ufficiale per la presentazione al pubblico di Sismocell Box il nuovo dispositivo antisismico progettato e realizzato per il brand di sistemi antisismici di Reglass.

Al centro della conferenza, la messa in sicurezza delle strutture produttive e il quadro normativo vigente: i nuovi incentivi fiscali per la realizzazione di opere di miglioramento e adeguamento sismico e il D.Lgs. 81 sulla sicurezza dei luoghi di lavoro. Sono tristemente note infatti, le conseguenze sull’economia del territorio e del Paese, seguite al sisma che ha colpito il Nord Italia nel maggio 2012. I gravi danni, ammontano (relazione inviata alla Commissione UE) complessivamente a 13 miliardi e 273 milioni di euro. Quello che ha devastato il Centro Italia invece, ha provocato perdite di entità quasi uguale a quelle registrate oltre 30 anni fa in Irpinia e pari a oltre 23 mld di euro.

Proprio alla luce di questi ultimi eventi, anche se con grave ritardo, il legislatore ha finalmente varato una serie di incentivi fiscali volti a incoraggiare gli interventi di messa in sicurezza degli edifici. L’insieme delle misure è battezzato, Sismabonus: un bonus, appunto, che prevede la detrazione fiscale dal 50 all’80% (85% nel caso di condomini) delle spese sostenute per interventi di messa in sicurezza degli edifici; siano essi abitazioni principali, seconde case o attività produttive. La norma è applicabile per le zone classificate a rischio sismico 1, 2, 3, riguarda un arco temporale, sia per l’esecuzione dei lavori sia per la detrazione, di 5 anni, e ammette lo sconto, nelle percentuali indicate, di una spesa complessiva pari a 96.000 euro annui.

Per quanto riguarda le attività produttive, tutelare i dipendenti da possibili rischi è, poi, un obbligo di legge che grava sul datore di lavoro, come prevede l’art 17 del D.Lgs 81/2008 sulla sicurezza dei luoghi di lavoro. L’imprenditore deve dunque prendere in considerazione tutti i rischi anche quelli relativi al verificarsi di un evento sismico ed, eventualmente, quelli emersi a seguito di particolari infortuni (art. 29). Di questi aspetti, fiscali e riguardanti la normativa sul lavoro, parleranno Enrico Taponecco e la Katia Orsetti di Confartigianato La Spezia.

L’ingegner Devis Sonda e l’ingegner Andrea Vittorio Pollini forniranno invece una panoramica sulle più recenti innovazioni e tecnologie per la messa in sicurezza delle strutture produttive con focus particolare sui dispositivi antisismici. E per la prima volta, oltre al dispositivo antisismico Sismocell, sarà presentato il più recente Sismocell Box. Sismocell e Sismocell Box sono stati progettati per la messa in sicurezza delle attività produttive e, in particolare, per sanare 2 delle 3 carenze individuate dalla legge 122 della Regione Emilia-Romagna. La norma, emanata in seguito al terremoto emiliano, ha individuato nella mancanza di collegamenti efficaci tra elementi strutturali l’origine dei gravi danni causati alle attività produttive in Nord Italia in seguito al terremoto del 2012. Il primo dispositivo, Sismocell, realizza una connessione a fusibile dissipativo trave-pilastro, il secondo crea una connessione dissipativa trave-elementi di copertura. Il montaggio di entrambi consente, entro certi limiti, di assorbire l’energia sprigionata dalle scosse in ogni direzione.
L'INCONTRO NON RILASCIA CFP

 
Confartigianato La Spezia - Collegio Geometri della Spezia PDF Stampa
Seminario formativo sul tema
TECNOLOGIE E DISPOSITIVI ANTISISMICI PER IL
MIGLIORAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE PREFABBRICATE
La Spezia, 14.03.2017
La partecipazione non da diritto al rilascio
di Crediti Formativi Professionali



Programma

Modulo preadesione
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 7